Uno dei temi che affronteremo durante la prossima edizione di Exposcuola è quello dell’Educazione Finanziaria.

Un tema urgente, tanto che lo IOSCO, l’organizzazione globale che raccoglie i regolatori dei mercati finanziari operanti a livello nazionale (per l’Italia Consob) ha deciso di indire a inizio ottobre una World investor week allo scopo di sensibilizzare i cittadini dei diversi paesi sull’importanza di una corretta educazione e protezione degli investitori.

Educazione Finanziaria è definita da Banca d’Italia un’educazione alla cittadinanza economica consapevole e attiva. Numerose esperienze dimostrano che la scuola ha un ruolo fondamentale nel veicolare competenze di educazione finanziaria: consente infatti di raggiungere una fascia della popolazione vasta e trasversale e permette di familiarizzare i consumatori di domani ai temi finanziari, in tempo utile perché possano fare in maniera consapevole le successive importanti scelte economiche della vita.

Una buona educazione finanziaria è ciò che ci permette di interrogarci su bisogni reali e semplici desideri per metterli consapevolmente in relazione con le risorse disponibili. È dunque un tema che condiziona in maniera importante la qualità della vita di ogni persona e deve essere affrontato nelle prime fasi della crescita intellettuale di ogni essere umano, perché ciascuno sia realmente attrezzato per affrontare il futuro.