Cittadini del mondo anche grazie ad un quiz: è la sfida che lancia AES-CCC con l’incontro che si terrà venerdì 15 novembre alle 10.30 dal titolo Educare alla mondialità. Io sono il futuro che mi merito.

AES-CCC è una ONG padovana che dal 1966 si occupa di Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, fondata da Umberto Pietrogrande, gesuita e grande figura di missionario ed educatore nonché studente del Collegio Vescovile Barbarigo dagli anni delle elementari fino al diploma.

L’incontro è rivolto ai ragazzi delle classi 4^ della scuola superiore, con la consapevolezza che caratteristiche che conducono alla cooperazione internazionale e alla comprensione di essere un cittadino del mondo, non solo italiano, si coltivano già a partire dai 18 anni: in gioco la loro capacità di sviluppare il senso di auto responsabilità e di vivere l’interscambio in modo aperto e positivo, favorendo il desiderio di comprendere le diversità, interagendo con l’altro.

In una prima parte si terrà la conferenza sui principali temi della mondialità, ovvero l’alimentazione, l’ambiente, il lavoro, il volontariato mentre nell’ultima mezz’ora i giovani diventeranno protagonisti di un vero e proprio gioco competitivo tra classi con una serie di domande visualizzate sullo schermo, riguardanti i temi trattati. I gruppi verranno forniti di telecomando e potranno scegliere una delle tre risposte proposte per ogni domanda, in un tempo determinato. Il gioco è certificato da Planet – Multimedia una piattaforma a radiofrequenza che garantirà l’imparzialità e l’arrivo delle risposte.

La proposta della ONG va aldilà del gioco: le classi quarte che parteciperanno e che vorranno proseguire il percorso di educazione alla mondialità con i loro insegnanti, avranno infatti l’opportunità di fare un viaggio di maturità alternativo in Brasile: un interscambio culturale che senza dubbio ricorderanno tra le loro esperienze più significative.