Exposcuola 2019 non può ignorare quello che è stato il grande grido di protesta mosso dai giovani, in Italia e nel mondo, negli ultimi mesi: il movimento #fridayforfuture, che vede tanti studenti italiani in prima fila, chiede a gran voce agli adulti di considerare seriamente l’emergenza climatica, di vivere questo tempo con senso di responsabilità verso le generazioni future e verso gli adulti di domani, di impegnarsi affinché la crisi climatica entri a far parte dell’agenda di chi realmente può decidere delle sorti del pianeta.

Ad Exposcuola ne parleremo con i volontari di Italian Climate Network, durante l’appuntamento Emergenza clima: cittadinanza attiva per un presente sostenibile previsto per sabato 16 novembre alle ore 11.00.

Italian Climate Network è un’associazione di volontari, in un mix di giovani ed esperti volenterosi di mettere in comune la propria passione, competenza e professionalità per affrontare la questione climatica. L’obiettivo è mettere a sistema l’impegno di cittadini, aziende ed ONG impegnati nel risolvere la questione climatica ed assicurare all’Italia un futuro sostenibile; per costruire un movimento esteso e incisivo, che porti a cambiamenti positivi nella società, per la trasformazione a un’economia e un modello energetico a basso contenuto di CO2. Italian Climate Network è partner italiano di 350.org e membro del Climate Action Network Europe. Le loro attività sono molteplici: dallo scrivere settimanalmente articoli di approfondimento per il blog alla partecipazione diretta attraverso i propri delegati alle conferenze internazionali sul clima per seguire da vicino lo sviluppo dei negoziati e aggiornare i cittadini, alla campagna #DivestItaly per convincere soggetti pubblici e privati a disinvestire i propri fondi dalle fonti fossili.

La creatività è un ingrediente fondamentale delle attività dell’associazione combinata alla serietà e all’accuratezza nell’elaborazione dei contenuti
proposti. Italian climate network ha messo a punto un pacchetto di materiali – slide,video, documenti – denominato A scuola di clima utile per organizzare momenti formativi e di discussione per le classi di ogni ordine e grado, ma anche di supporto per gli scioperi per il clima.

Perché come Greta Thunberg, la sedicenne svedese fondatrice del movimento #fridayforfuture afferma: «L’istruzione é la chiave principale per rendere le persone onsapevoli l’unico strumento per convincere coloro che sono ancora scettici circa il riscaldamento globale».

L’incontro organizzato ad Exposcuola verterà sugli ultimi aggiornamenti in tema cambiamenti climatici focalizzandoci poi su come essi influenzino i diritti umani e le questioni di genere e mettendo in evidenza le strette connessioni che legano il clima ai temi dello sviluppo sostenibile, dell’economia, delle relazioni internazionali, della salute.