Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 15/11/2019
10:30 - 12:00

Luogo
Sala Agorà

Categorie


Educare alla mondialità. Io sono il futuro che mi merito

Gioco a premi per imparare divertendosi a cura di Fondazione AES

Le caratteristiche che conducono alla cooperazione internazionale e alla comprensione di essere un cittadino del mondo, non solo italiano, si coltivano già dai 18 anni.
Così come le capacità di sviluppare il senso di auto responsabilità, oppure quelle di vivere l’interscambio in modo aperto e positivo, favorendo il desiderio di comprendere le diversità e creando quello di interagire con l’altro. Esse possono essere sviluppate attraverso esperienze reali e tangibili,che non potranno essere mai dimenticate perché vissute con l’entusiasmo di questa età.
Cosa posso fare io? Cosa possiamo fare insieme?

La conferenza sarà suddivisa in due momenti.
1) Conferenza interattiva
2) Gioco – quiz a premi

All’inizio della conferenza i ragazzi verranno informati che sarà fondamentale la loro attenzione costante verso tutto ciò che sentiranno o vedranno, perché durante l’ultima mezz’ora diventeranno protagonisti di un vero e proprio gioco competitivo tra scuole/ classi. Ci saranno una serie di domande visualizzate sullo schermo, inerenti i temi trattati, ovvero:

  • alimentazione/nutrizione
  • società
  • ambiente
  • felicità
  • lavoro
  • spiritualità
  • volontariato
  • interscambio
  • servizio civile ecc.

I gruppi verranno forniti di telecomando e potranno scegliere una delle tre risposte proposte per ogni domanda, in un tempo determinato. Verranno visualizzate di volta in volta le classifiche.

Il gioco è certificato da Planet – Multimedia, una piattaforma a radiofrequenza che garantirà l’imparzialità e l’arrivo delle risposte.

Riteniamo che questo nuovo modo di interagire con i giovani, faciliti la capacità di apprendere in quanto l’apprendimento stesso avviene durante un “divertimento/competizione. Anche coloro che non avranno risposto correttamente alle domande, avranno la possibilità di memorizzare le risposte esatte e farle proprie.

Il tema e l’evento sarà sicuramente ricordato e offrirà anche agli insegnanti l’occasione per ritornare sui temi trattati ampliandoli e approfondendoli.
Il lavoro fatto per le classi 4^ superiori, ci permetterà di lavorare anche l’anno successivo con i ragazzi che potrebbero scegliere di fare un viaggio di maturità alternativo in Brasile: un INTERSCAMBIO CULTURALE che ricorderanno tra le loro esperienze più significative.