Sabato 11 appuntamento con la Palestra di Botta e risposta 

“Una scuola senza voti: funziona?”. Questo il tema – decisamente sfidante e attuale – su cui si confronteranno sabato 11 novembre alle ore 15 le rappresentative degli studenti del liceo Antonio Pigafetta di Vicenza e del liceo Bonaventura Cavalieri di Verbania. La “Palestra di botta e riposta” – una dimostrazione di dibattito regolamentato a squadre – è in programma nella giornata di chiusura di Exposcuola, il Salone dell’Orientamento in corso in Fiera a Padova. La squadra piemontese denominata “Doxanti” sosterrà l’onere assegnato della tesi “pro”, la squadra vicentina “Navicella dell’ingegno” le ragioni contro. Il dibattito, sottoposto alla valutazione della giuria di esperti, segue le regole del formato della Palestra di botta e risposta e della disputa felice, denominato “Patavina Libertas”, ideato dall’Associazione per una Cultura e Promozione del Dibattito guidata dal professor Adelino Cattani, docente di Teoria dell’Argomentazione all’Università di Padova. La partecipazione rappresenta per i ragazzi un’occasione per allenare le abilità oratorie, ma anche per esercitarsi a rappresentare ragioni opposte senza scontrarsi: una palestra più che mai utile in un tempo dominato dalle discussioni social in cui spesso i confronti prendono le forme di scontri fra tifoserie, dove alle argomentazioni si sostituiscono gli slogan. La squadra del Bonaventura Cavalieri è allenata e guidata dal prof. Michele Rizzi. La squadra del Pigafetta dai professori Nicola Curcio e Marco Zanini.